I Pirati vanno negli stadi: il calcio è un bene comune

La campagna elettorale dei Pirati si apre con un'originale azione di proganda politica. In concomitanza con l'inizio della Bundesliga, i Pirati saranno presenti in venti stadi della prima, seconda e terza liga secondo il motto: il calcio è un bene comune
A presentare l'iniziativa, I diritti umani non finiscono alla porta dello stadio, sono stati (presso la sede centrale dei Pirati a Lichtenberg) il leader Bernd Schlömer (tifoso del St. Pauli), Konstanze Dobberke, responsabile del progetto all'interno del partito, e Julia Probst, candidata in Baden-Württemberg e tifosa del Borussia Dortmund. I tre, coordinati dall'addetta stampa Anita Möllering, erano su un podio dove si alternavano i manifesti di candidati pirati e sciarpe di squadre di calcio tra cui Inter, Borussia Mönchengladbach, Barcellona, Galatasaray e Hertha Berlino.
La campagna "I diritti umani non finiscono alla porta dello stadio" sensibilizza la comunità tedesca ai diritti dei tifosi e al riconoscimento dei diritti fondamentali anche negli stadi dove spesso la polizia - come ha più volte ricordato Bernd Schlömer durante la conferenza stampa - usa metodi repressivi. La politica - ha detto Schlömer - si ricorda del calcio solo quando deve intervenire per reprimere i tifosi di calcio. I Pirati, del resto, sono tradizionalmente molto sensibili a questo tema. In un flyer che verrà distribuito da domani negli stadi tedeschi, i Pirati informeranno, oltre che sui loro tradizionali temi, anche che ben 18.000 cittadini sono registrati a loro insaputa dalla polizia. Al flyer è allegato anche una richiesta di informazioni sui dati personali in possesso che, una volta compilata, può essere inviata alla centrale della polizia a Duisburg.   
Konstanze Dobberke ha sottolineato come "per i Pirati, la condizione dei tifosi di calcio in Germania è inaccettabile. Siamo contrari alla discriminazione, alle condanne preventive e alla repressione violenta. I tifosi devono sapere quali sono i loro diritti in quanto cittadini."
Julia Probst ha manifestato l'importanza della cooperazione tra politica, società e tifosi per meglio garantire i diritti dei tifosi. La candidata Probst, non udente, ha anche sottolineato come "non sempre ai portatori di handicap è data la possibilità di entrare negli stadi in sicurezza." 
Con quest'azione i Pirati intendono, da una parte, mettere in crisi i partiti tradizionali, che sottovalutano o forse non conoscono veramente il problema, dall'altra, propongono un approccio al fenomeno "calcio" meno romantico ma più concreto e reale. L'azione si basa anche su una strategia ben precisa. I Pirati, infatti, non avendo gli strumenti e i mezzi dei partiti tradizionali hanno più difficoltà a raggiungere larghe fette dell'elettoraro e a trovare spazio nei vecchi media. Con una tradizionale azione di volantinaggio raggiungeranno in un colpo solo un largo numero di cittadini.

Commenti

Post popolari in questo blog

La guerra in Ucraina e noi

Stereotipi tedeschi sugli italiani

Walter Benjamin sulla bibliofilia e sul collezionismo